CENTO (FE) PARTITO DEMOCRATICO E L’IMPIETOSO RESOCONTO DEL CONSIGLIO COMUNALE!

IL GRUPPO CONSIGLIARE PD NEL CONSESSO CIVICO CENTESE – DA SX FOTO: VASCO FORTINI PIERO LODI E MARCELLA CARIANI

 

CENTO 03/02/18 – ( LA REDAZIONE) ” Consiglio Comunale del 31 Gennaio 2018 : Regeni fa paura, Su tutto il resto mancano idee e non c’è alcuna visione” – Questo il primo commento a caldo del gruppo consigliare del PD al  termine   del consesso civico centese .   Quattro punti all’ordine del giorno dell’ennesimo vuoto ed inutile Consiglio comunale che ha chiuso gennaio.  Il Consiglio è stato PRECEDUTO da una prima parte straordinaria dedicata alla GIORNATA DELLA MEMORIA, una parte in cui, grazie allo straordinario intervento dell’ospite, prof Cesare Finzi, si è volato molto alto sulle ali dei valori e si è scavato molto in profondità per cercare di comprendere cosa furono le leggi razziali. In una sala consiliare con molti banchi vuoti, purtroppo, soprattutto dal lato della maggioranza, il relatore ha raccontato la shoah per come l’ha vissuta lui, allora bambino. Ha raccontato, con lo sguardo di un fanciullo, una pagina cupa, la più nera della storia dell’umanità, aiutando i presenti a decifrarla grazie alla saggezza di un uomo consapevole e maturo. Un bell’incontro. Un bel momento. Dopo aver originariamente cancellato questo appuntamento l’Amministrazione ha reintrodotto il Consiglio straordinario per la giornata della Memoria e questa è senza dubbio una buona notizia.

CESARE FINZI

Il Consiglio ordinario è stato invece ancora una volta DESOLANTE. Disorientato e disorientante il dibattito, soffocato da una cortina di imbarazzo di fronte al nulla all’ordine del giorno ma soprattutto del niente all’orizzonte della nostra Città.
In apertura un ordine del giorno presentato dal Partito Democratico per tentare, dopo 20 mesi di governo (?) Toselli, di “ricucire” almeno lo strappo originato con l’assurda rimozione dello striscione che chiedeva “Verità per Giulio Regeni”. Una battaglia specifica che ha assunto in tutto il mondo un significato esemplare. E’ divenuta anche una battaglia di civiltà, per la tutela di valori che dovrebbero essere patrimonio trasversale di ogni essere umano. Ma così non pare.  A settembre dell’anno scorso il PD aveva presentato un analogo ODG che anche allora venne respinto dalla maggioranza. Il Capogruppo Mark Alberghini aveva però preso l’impegno di organizzare iniziative pubbliche di sensibilizzazione. Di quell’impegno non si è visto nulla.  Di qui il secondo tentativo del Gruppo Democratico. Ma ancora una volta la speranza di un ritorno al buon senso si è infranta contro il muro di gomma dell’Amministrazione (per lo più silente e distratta) e del Capogruppo di maggioranza che non ha nemmeno fatto cenno alla propria promessa disattesa limitandosi a dire che “il Governo nazionale dovrà fare ciò che serve e che chi vuole può informarsi comunque”. Il PD, con ancora nelle orecchie il monito del sopravvissuto alle leggi razziali, ha ricordato che proprio con risposte come queste attecchì il fascismo; proprio grazie a risposte come queste il mondo cadde nell’abisso. Ma il “muro di gomma” è solido ed elastico ed ogni cosa “rimbalza”. Sull’ordine del giorno è arrivato il sostegno di Libertà per Cento. La Lega si è detta disponibile a votare solamente la parte in cui si chiedeva più impegno al Governo. Resta incomprensibile perché uno striscione faccia tanta paura e perché promuovere un incontro pubblico sia così inaccettabile… Il paradosso a questo punto è che con la bocciatura dell’ordine del giorno su Regeni è anche sostanzialmente finito il Consiglio comunale.  Eppure il punto successivo riguardava la “parte strategica” del Documento di Programmazione del Comune, cioè quel documento che “traccia la rotta”. Oltre 100 pagine. Nessun contenuto. Nessuna visione. Nessuna idea. Un documento incommentabile. Ed evidentemente anche impossibile da illustrare come ha mostrato lo stesso Sindaco che nel suo intervento ha parlato d’altro, prendendosi meriti per cose fatte da chi lo ha preceduto e riciclando promesse ed annunci sempre più stantii.  Unanime la valutazione delle minoranze. Da Destra a Sinistra: “vuoto pneumatico”. “nessuna visione”, “nulla di nulla”… Intanto la seconda parte del “DUP” sembra essere pronta. Nessun confronto con nessuno. Nessuna concertazione. Solo un roboante annuncio: “ridurremo  l’indebitamento comunale e poi le tasse usando le risorse che arriveranno per la Gara d’ambito del gas”. Un progetto costruito dall’Amministrazione precedente che ha conferito le reti gas proprio per preparare quella gara d’ambito (prevista per legge nel 2019 ma che forse slitterà…). Proprio per garantire al Comune una importantissima entrata straordinaria. Nel vuoto assoluto di idee, dunque, almeno questo “pezzetto di futuro” per la Città sembra non verrà cancellato. Speriamo ci sia almeno la capacità di non stravolgerlo.  Poi il senso di imbarazzo ha raggiunto l’apice. Il Comune ha aderito (con una valanga di astensioni ed un voto contrario dalle minoranze) ad un protocollo d’intesa per dare vita ad un Gruppo denominato “Metropoli di passaggio”. Un gruppo che coinvolge molti Comuni della nostra provincia. Il documento, che ha finalità condivisibilissime, è “spietato” quanto alla fotografia dell’approccio mostrato dal nostro Comune. Tutti gli altri Enti locali hanno infatti progetti, li allegano e li descrivono. Il Comune di Cento invece “copia incolla” qualche slogan… Le tabelle sono impietose quando alla riga riservata al nostro Ente precisano che “i progetti sono nel cassetto”… Come a dire che non ci sono ma che si spera ci possano essere in futuro. Il Vicesindaco ha precisato invece che “le idee ci sono” però poi non ha saputo elencarne nemmeno una… La sensazione denunciata dal Gruppo PD (caustica su questo punto anche la Lega) è di assistere ad una televendita di pentole… Ma almeno in questo esempio le pentole ci sono… Infine è stata rinnovata una convenzione sovra provinciale per garantire il trasporto pubblico, soprattutto scolastico, tra Cento e San Giovanni. Una convenzione pensata e sottoscritta dall’ Amministrazione precedente ieri sera unanimemente rinnovata. Questo è tutto… Davvero troppo poco

Condividi questo articolo

Post Comment