CENTO (FE) – LEGA NORD: IL DEGRADO DEL PERCORSO VITA E’ EVIDENTE E MANCA IL CONTROLLO DEL TERRITORIO COL TAGLIO DELLE RISORSE…VEDI NOTA !

CENTO 16/05/18 – (LA REDAZIONE) Dopo il disdicevole episodio di violenza a danno di una classe nella struttura sportiva “Percorso vita ” di Cento ,dopo, l’intervento istituzionale del Sindaco di Cento Fabrizio Toselli in queste ore arrivano i primi commneti politici sull’accaduto. I Giovani Padani rappresentati da Luca Cardi unitamente al gruppo della Lega Nord nel consesso civico centese Pettazzoni e Giberti lanciano l’allarme sulla stato di degrado in cui versa la struttura da tempo. A loro si uniscono i neo eletti alla Camera dei Deputati di Roma  l’On. Maura Tomasi e l’On. Emanuele Cestari che puntano il dito ai tagli delle risorse alle forze dell’ordine effettuato dal PD leggiamo :

LUCA CARDi DEL MOVIMENTO GIOVANI PADANI DELLA LEGA NORD

PETTAZZONI, GIBERTI, CARDI (LEGA): “GRAVE L’EPISODIO DELL’AGGRESSIONE AGLI STUDENTI AL PERCORSO VITA DI CENTO”” Da diverso tempo i Giovani Padani rappresentati da Luca Cardi, congiuntamente al gruppo consigliare Lega formato da Marco Pettazzoni ed Elisabetta Giberti, avevano denunciato la situazione di degrado in cui versa il Percorso Vita di Cento.  «Il nostro appello è rimasto inascoltato.» – dichiarano i tre, che proseguono – «Oggi torna in evidenza la tematica della sicurezza nel territorio con l’episodio dell’aggressione da parte di uno straniero ai danni di alcuni studenti e insegnanti, impegnati in attività scolastiche.»  «Non è tollerabile nessuna aggressione, oggi ragazzi e insegnanti sono stati aggrediti durante lo svolgimento delle attività scolastiche. Episodi del genere non si devono ripetere ed è necessario prendere provvedimenti seri per la salvaguardia della sicurezza.» dichiara Luca Cardi, esponente del movimento giovanile leghista.  «Tra le nostre proposte l’installazione di telecamere, per contrastare anche fenomeni come lo spaccio di droga, e la chiusura notturna del parco.» – aggiungono i leghisti.  I consiglieri Pettazzoni e Giberti concludono infine queste parole: «La LEGA, attraverso la sua attività di ascolto e vicinanza con i cittadini, ha rilevato diverse criticità su tutto il territorio comunale, è allarmante anche quanto segnalato dalle frazioni, ci chiediamo quanto tempo ancora dovrà trascorrere prima di vedere accolte le nostre istanze, voce delle difficoltà dei cittadini. Ci chiediamo se ancora una volta ci sentiremo dire che i cittadini hanno percezioni errate perché va tutto bene e l’amministrazione lavora.»

MAURA TOMASI, ALAN FABBRI, EMANUELE CESTARI

TOMASI E CESTARI (LEGA): “AGGRESSIONE ALLE STUDENTESSE: EPISODIO GRAVISSIMO FRUTTO DEI TAGLI DEL PD ALLE FORZE DELL’ORDINE” “Un episodio gravissimo che mette in evidenza non solo quanto il territorio sia stato privato del necessario controllo, ma anche quale senso di impunità l’assenza di presidio, abbia trasmesso a delinquenti e violenti che si sentono liberi di aggredire addirittura un gruppo di adolescenti accompagnate dall’insegnate in luogo pubblico, in pieno giorno. I tagli forsennati che il governo Pd ha messo in atto nei confronti delle forze dell’ordine, che ogni giorno fanno il massimo per portare a termine il loro compito, nonostante le difficoltà e la mancata attenzione ai problemi della sicurezza e dell’immigrazione, del governo renzi prima e Gentiloni, poi hanno creato una situazione disastrosa di cui, oggi, hanno fatto le spese una docente e due minorenni”. Così i parlamentari del territorio ferrarese Maura Tomasi e Emanuele Cestari, intervengono sull’aggresione avvenuta questa mattina a Cento ad opera di uno straniero ei danni di giovani alunne del Liceo Cevolani. “E’ fondamentale rimettere al centro del discorso il presidio del territorio”, insistono Tomasi e Cestari “ma non come tema da sbandierare nelle occasioni speciali con norme che impediscono magari la realizzazione di eventi pubblici, ma come principio a cui vanno necessariamente dedicate risorse adeguate”.  Tomasi e Cestari “esprimiamo vicinanza e solidarietà alle due giovani, all’insegnante e alle loro famiglie, nella speranza che la loro degenza sia breve e che si rimettano presto in sesto”. Come capita a tutte le vittime di aggressioni però, “a fare male più a lungo saranno le ferite dell’anima e questo non va dimenticato. Vivere nell’insicurezza, sentire di non essere protetti nelle nostre città e nelle nostre case è essa stessa una violenza a cui è necessario porre rimedio al più presto”.  I due parlamentari della Lega colgono inoltre l’occasione per “ringraziare sentitamente le forze dell’ordine che sono intervenute con tempestività e che ogni giorno si impegnano, nonostante le difficoltà, in modo eroico per tutelare l’incolumità e la sicurezza di tutti i cittadini”.

Condividi questo articolo

Post Comment