BOLOGNA – ALAN FABBRI (LN): “DIESEL EURO 4: NIENTE PASTICCI. LO STOP VA CANCELLATO. FERRARA SI SMARCHI”

ALAN FABBRI

BOLOGNA 08/10/18  – (UFF. STAMPA LEGA NOR) SULLA QUESTIONE DEL DIVIETO DI CIRCOLAZIONE DELLE AUTO EURO 3 ESTESA ALL’EURO 4 IN EMILIA ROMAGNA: ALAN FABBRI SA CHE SI GIOCA UNA PARTITA IMPORTANTE E SPRONA L’AREGIONE E.R A NON FARE PASTICCI 3E LANCIA LO SLOGAN: “DIESEL EURO 4: NIENTE PASTICCI. LO STOP VA CANCELLATO. FERRARA SI SMARCHI” “Niente pasticci o regole a metà. Altrimenti il rattoppo sarà peggio del buco: gli autoveicoli diesel Euro 4 devono poter circolare liberamente. Tutti. Non ha senso escluderne alcuni asfavore di altri. Il PD deve smetterla di fare confusione sulla pelle dei cittadini. E se dall’incontro di oggi in Regione non dovesse emergere questo principio, Ferrara si smarchi autonomamente e non applichi il divieto. Siamo un Comune di confine con il Veneto non è giusto essere penalizzati perchè in Emilia il Pd vuole inseguire in modo miope ideologie ambientaliste”. Così il capogruppo Lega Nord in Regione, Alan Fabbri, interviene sulla questione euro 4, mentre in Regione oggi si terrà l’incontro con i sindaci. “A quanto pare il PD messo alle strette dalla volontà dei cittadini e dalla Lega che, a tutti i livelli ha dato battaglia sul tema, vuole fare marcia indietro sulla questione dello stop ai veicoli diesel euro 4, che tanto penalizza i nostri cittadini e il tessuto economico del territorio”, spiega Fabbri. “Come sempre, però, la sinistra, è pronta a fare pasticci: l’intenzione sembra quella di escludere alcuni euro 4 dal blocco, cioè quelli che hanno il filtro antiparticolato o il sistema Start and Stop, e lasciare attivo, per tutti gli altri il divieto”, spiega ancora Fabbri. “Sarebbe l’ennesima assurdità, l’ennesimo modo per creare cittadini di serie A e di serie B senza che questo realmente incida sulla qualità dell’aria”, aggiunge il capogruppo. “Le regioni vicine, che pur aderiscono agli obiettivi della qualità dell’aria, non hanno applicato la regola del blocco all’euro 4 e l’Emilia Romagna, per non penalizzare famiglie e attività, dovrebbe semplicemente allinearsi, senza improvvisare”. Applicare ora esoneri parziali significherebbe “creare una ulteriore confusione penalizzando sempre di più il tessuto economico e colpendo ancora di più chi ha difficoltà economiche”, aggiunge Fabbri “Gran parte dei diesel euro 4 in circolazione sono, infatti, veicoli commerciali che difficilmente possono avere installato i due sistemi a cui il PD

STEFANO BONACCINI GOVERNATORE DELL’EMILIA E ROMAGNA 

vorrebbe fare riferimento per le nuove regole”. Se dall’incontro di oggi in Regione “usciranno modifiche parziali e insoddisfacenti per i cittadini chiediamo al Comune di Ferrara di smarcarsi con fermezza dalle linee guida regionali e di applicare le stesse regole che valgono nei vicini comuni del Veneto”, conclude il consigliere. “Ferrara è un Comune di confine e non è giusto che debba subire assurde imposizioni da una Regione a guida PD che invece di guardare al buonsenso cerca di accaparrarsi i consensi di chi pensa soltanto alle ideologie”.

Condividi questo articolo

Post Comment