LA GUARDIA DI FINANZA DI FERRARA SEQUESTRA 3 AUTO DI LUSSO A TRE PREGIUDICATI NULLATENENTI

GL’INQUIRENTI DELLA GUARDIA DI FINANZA DI FERRARA MOSTRANO LE SUPER CAR SEQUESTRATE. TRE FERRARI : DUE MODELLI  488 E UN MODELLO CALIFORNIA

FERRARA 27/07/17 –  (LA REDAZIONE)  Il Nucleo di Polizia Tributaria di Ferrara, su delega del Tribunale di Roma, ha eseguito il sequestro di tre Ferrari di recentissima immatricolazione (due 488 e una California) e di un’altra autovettura nei confronti di tre soggetti residenti a Roma. Il valore delle auto ammonta a ca. 650.000 €. Il sequestro è stato eseguito ai sensi della normativa antimafia (il Decreto Legislativo nr. 159/2011), poiché i soggetti proposti per l’applicazione della misura patrimoniale hanno numerosi precedenti per furto e rapina, reati commessi già a partire dagli anni ’90 e risultano vivere con i proventi delle loro attività criminali. Le indagini sono partite da Ferrara, dove i finanzieri avevano scoperto i legami di compravendita fra un concessionario di auto e alcuni soggetti gravati da precedenti. I successivi accertamenti hanno permesso di risalire agli effettivi intestatari dei veicoli, tre soggetti, tutti dello stesso nucleo familiare, residenti in un quartiere popolare di Roma, città dove non hanno alcuna attività imprenditoriale o svolgono alcun tipo di lavoro. I finanzieri del Nucleo pt di Ferrara hanno accertato da un lato che i prevenuti vivevano, almeno in parte, dei provenienti delle attività di furto e rapina commesse; dall’altro che il loro tenore di vita non era giustificato da alcuna entrata o attività economica lecita. Accertata da parte delle Fiamme Gialle ferraresi la sproporzione fra reddito e patrimonio, è scattata la richiesta di sequestro da parte della Procura capitolina, che la Sezione Specializzata Misure di prevenzione del Tribunale di Roma ha concesso alla luce della pericolosità sociale dei proposti. Sono diverse le condanne definitive già inflitte da vari Tribunali italiani ai componenti del nucleo familiare individuato e numerosi i giudizi pendenti che li hanno visti protagonisti, anche in tempi recenti, di una serie strutturata, sistematica e plurima di reati contro il patrimonio; se tali condotte hanno consentito loro di arricchirsi, la manifestazione di uno stile di vita sproporzionato ha condotto allo spossessamento del patrimonio illecitamente acquisito e “investito”, nel caso di specie, in fuoriserie.

Condividi questo articolo

Post Comment